Una posizione particolarmente critica quella assunta dal consigliere comunale Antonio Pedretti nei confronti della giunta municipale di Pontinia, pur essendo lo stesso tra le file della maggioranza. Nei mesi passati diverse le questioni alla base di discussioni più o meno accese. Stavolta il nodo è la manutenzione del verde. «Sono amareggiato – dice Pedretti, delegato all'Urbanistica del sindaco Carlo Medici – per la situazione in cui versa il verde pubblico della nostra città. La giunta dovrebbe pensare anche a questo, dando mandato ai settori competenti di provvedere. Questi – aggiunge il consigliere – non sono i sospiri di un vecchio amministratore, ma di chi negli anni passati ha fatto molto per il decoro di Pontinia e mal sopporta la situazione in cui versa il verde. Basti vedere la rotonda – conclude – di Borgo Pasubio, dove parecchi amministratori passano ogni giorno». Come si diceva, non è la prima volta che Pedretti assume una posizione critica nei confronti della stessa maggioranza di cui fa parte. Diversi i dissidi con i "nuovi", anche se alla fine in Consiglio comunale il voto è stato sempre unanime. Da un punto di vista politico, però, non si può di certo dire che quella di Pontinia sia un'amministrazione comunale compatta. E i malumori sono cominciati subito dopo la nomina degli assessori. Il primo atto di discontinuità da parte del sindaco Carlo Medici. Parecchi i mal di pancia un anno fa. Oltre a Pedretti anche il consigliere Valterino Battisti (delega alla Sanità e all'Ambiente) più volte ha manifestato il proprio dissenso rispetto all'operato della giunta municipale. Massimo Mantova invece in più di qualche occasione, ma forse è una semplice coincidenza, non ha preso parte ai lavori del Consiglio.