In attesa di conoscere le deleghe che il sindaco Di Raimo assegnerà al suo esecutivo, le attenzioni dei cittadini si concentrano sui ruoli all'interno della minoranza consiliare. Chi ricopre la carica o le cariche di capogruppo tra le fila dell'opposizione? Alla domanda non è stata data alcuna risposta nel corso del primo Consiglio, con Martella a limitarsi a dire che è la legge che lo stabilisce. Ma l'ex presidente della Provincia non ha detto quale legge e l'impressione è stata che non volesse sottolineare l'evidenza che saranno lui e Rita Palombi i capigruppo in minoranza. Ma non è così e a confermarlo sono lo statuto comunale e il regolamento della massima assise cittadina di Sezze, che in alcuni passaggi recitano testualmente che, qualora non venga comunicato un giorno prima della riunione chi sono i capigruppo, diventano tali i consiglieri anziani. Anche qui, come spesso accade, si fa un po' di confusione. Anziani non sono i consiglieri anagraficamente in età più avanzata ma, sempre leggendo i regolamenti setini, si considerano consiglieri anziani quelli che hanno ottenuto più preferenze nella propria lista di appartenenza. Stando così le cose, quindi, al momento il capogruppo di "Bianco Leone" sarebbe Serafino Di Palma, quello di "Forza Sezze" Giovanni Moraldo e quello di "Sezze Bene Comune" Eleonora Contento. Loro, in questo momento e non avendo comunicato diversamente al consigliere anziano che ha tenuto la riunione del consiglio (Enzo Eramo, più votato nel Pd) prima di essere eletto presidente dello stesso Consiglio, sono i capigruppo delle forze di minoranza. Niente di definitivo, ci mancherebbe, ma forse un'analisi più approfondita delle leggi che regolano la massima assise cittadina avrebbe evitato l'insorgere di una situazione del genere e avrebbe anche fatto capire al 35% dei cittadini che li hanno votati l chi avrebbe preso in mano le redini delle opposizioni. Nel prossimo Consiglio, comunque, la situazione potrebbe essere risolta.