All'appuntamento elettorale dei prossimi mesi non mancherà neppure Francesco Zicchieri. I rumors sulle candidature alla Regione Lazio del presidente del Consiglio di Terracina Gianfranco Sciscione e del consigliere di minoranza, in quota Forza Italia, Valentino Giuliani, agitano e non poco le acque nel centrodestra locale. Come se non bastasse, arriva il terzo candidato. È Francesco Zicchieri che stando a indiscrezioni avrebbe un posto già prenotato nella lista di Noi con Salvini per la Camera dei deputati. Del resto il referente cittadino del partito in pochi mesi ha scalato i vertici dello schieramento, arrivando lo scorso marzo a incassare la fiducia del leader Matteo Salvini che lo ha nominato coordinatore regionale. Insomma, una candidatura "naturale", conseguenza diretta del percorso di crescita di Zicchieri all'interno dello gruppo.

Indiscrezioni a parte, i movimenti politici non possono non avere un riflesso politico anche a livello locale. Si sta lavorando a un accordo trasversale nel centrodestra in grado di mettere insieme, mediante un sostegno reciproco, le diverse anime di destra che siedono attualmente tra i banchi dell'opposizione. Zicchieri di Noi con Salvini sosterrebbe Giuliani alla Regione e viceversa. Insomma un aiuto reciproco che punta a costituire una filiera tra Comune e Camera dei deputati. Il piano comporterebbe anche un altro effetto, e cioè l'isolamento del sindaco Nicola Procaccini e della sua maggioranza targata Fratelli d'Italia nell'ambito del centrodestra cittadino. Con Ncs e Fi c'è infatti anche Movimento nazionale per la sovranità, coordinato da Davide Di Leo, pure lui in Consiglio insieme a Zicchieri e Giuliani tra i banchi della minoranza. Un gruppo politico solido, che da qui ai prossimi anni, forte anche di una filiera con gli organi istituzionali superiori, vorrebbe gettare le basi per crescere e consolidarsi e quindi lanciare l'assalto all'amministrazione comunale. Manca tanto tempo, ma sul tavolo delle trattative a quanto pare si sta guardando già al futuro.