Sollecitati da Latina Oggi, gli uffici comunali hanno risposto con un comunicato stampa alle domande sui motivi della mancata costituzione di parte civile nel processo per la variante al Ppe di Borgo Piave. «Nessun pregiudizio è stato patito dall'amministrazione - scrive il Comune - in quanto la definizione con patteggiamento delle posizioni di Di Rubbo e malvaso comunque avrebbe posto l'ente nell'impossibilità di proseguire l'azione civile eventualmente intentata all'interno del giudizio penale». Una nota sconclusionata, visto che non c'è stato alcun patteggiamento, ma due condanne in un processo con rito abbreviato, e visto che doveva essere il Tribunale a stabilire se vi sia stato o meno pregiudizio in danno del Comune. «Comunque c'è tempo per costituirsi nei confronti degli altri imputati rinviati a giudizio», scrive ancora il Comune. E perché dovrebbe costituirsi contro quelli se non lo ha fatto per Malvaso e Di Rubbo?