Ci ha provato il sindaco Coletta a riacciuffare uno dei suoi assessori ormai fuori dal cerchio di Lbc, ma con una carta tardiva, quella del tentativo di ricomposizione che nulla ha potuto produrre. Ieri il primo cittadino a tre giorni dalla lettera di dimissioni timbrata e depositata dall'assessore al personale presso la sua segreteria ha provato a convincerlo a tornare sui suoi passi. Ma il decano della giunta, l'unico componente di esperienza amministrativa (è stato presidente dell'Oiv, consigliere comunale e presidente provinciale dell'Inps) che aveva provato più volte negli ultimi mesi ad esprimere il suo malumore per essere stato isolato ed il dissenso per le ingerenze del direttore generale Rosa Iovinella, ha deciso di non indietreggiare di un passo pur ringraziando il sindaco per il tentativo fatto. "Sono stato delegittimato, mortificato nel mio ruolo e nella mia dignità personale".