Per riassumere i lavoratori di Latina Ambiente nella costituenda azienda speciale è necessaria una procedura di evidenza pubblica. Non necessariamente un concorso, ma comunque un avviso pubblico. Lo ha chiarito questo pomeriggio il professor Alberto Lucarelli, l'esperto a cui si è rivolto il Comune di Latina per curare gli aspetti giuridici della nuova azienda speciale per i rifiuti. Lucarelli, accompagnato da Bruno De Maria e Sergio Vilone ha illustrato il lavoro svolto dall'Università Federico II e fornito alcuni dettagli importanti per la salvaguardia dei dipendenti attualmente in forza alla Latina Ambiente.

"Tutta la procedura legata al personale - ha spiegato Lucarelli - andrà ricompresa nel contratto di servizio con l'azienda speciale. In esso il Comune dovrà prevedere una clausola di salvaguardia per i lavoratori, in modo da tutelarli. Il rapporto dei lavoratori con l'azienda speciale sarà di natura privatistica - ha chiarito Lucarelli, aggiungendo però che "la selezione del personale avviene con l'evidenza pubblica". Quindi come è possibile assumere i lavoratori della società fallita? Con un concorso? Non necessariamente: "Si può fare un avviso pubblico che preveda una assunzione prioritaria, legata alla clausola di salvaguardia prevista nel contratto di servizio per tutelare gli attuali dipendenti della Latina Ambiente".