Il sindaco di Priverno, Anna maria Bilancia, come ormai consuetudine, interviene sul suo profilo Facebook per dialogare con i cittadini. Questa volta si sofferma sulla vicenda della multa inflitta dal ministero dell'Interno (1.041.00 euro per lo sforamento del Patto di Stabilità 2015) e sul ricorso presentato dal Comune e rigettato dal Tribunale amministrativo regionale. «La sanzione applicata al Comune per effetto dello sforamento del Patto di Stabilità - scrive Bilancia - che, purtroppo, non ci è stata cancellata dal Tar, è stata già pagata, in quanto il Ministero, nelle ultime due fasi di erogazione agli enti (fine 2016 e inizio 2017) non ha trasferito al nostro Comune una parte del Fondo di solidarietà che gli spettava pari a quella della sanzione». Come a dire, quel debito ce lo siamo tolto. «Certo - continua il sindaco di Priverno - avere un milione di euro in più sarebbe importante per le nostre casse, ma sicuro è che quel milione non dobbiamo tirarlo fuori e, quindi, non dovremo pagarlo a dicembre, come qualcuno erroneamente ha capito e va dicendo». Si tratta - secondo Anna Maria Bilancia - di propaganda che non tocca gli amministratori. «A noi preme solo rassicurare i nostri concittadini sul fatto che questa amministrazione è ben salda al suo posto di lavoro, fedele all'impegno che ha assunto e che porterà avanti con tutte le sue forze». Indubbiamente «occorrono tempo, fatica e la diligenza di tutti noi ma, piano piano, la nostra città crescerà e lo farà sempre di più». È la certezza del sindaco, ma anche l'auspicio di tutti i cittadini che, sicuramente, vorrebbero vedere una Priverno più vivibile per i residenti e più appetibile per i forestieri.