Come tutte le novità che irrompono dopo anni di abitudini consolidate qualche disagio è lo scotto da pagare. Ed è quello che sta avvenendo per gli oltre tremila genitori sottoposti a lunghe code all'ufficio mensa del Comune di Latina per il passaggio dal sistema dei ticket cartacei a quello elettronico. La novità è operativa da lunedì 11 settembre quando è partita l'iscrizione online alla mensa scolastica per tutti i bambini delle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di Latina. Un sistema telematico che ha sostituito il vecchio metodo dell'acquisto di blocchetti cartacei da 20 ticket giornalieri.

Ma questa mattina è stato il caos. All'ufficio mensa che si trova al teatro già alle ore 10 erano terminati i numeretti e chi era riuscito a prenderlo non sapeva davvero a che ora sarebbe stato ricevuto dagli uffici. Un paradosso per l'idea delle mense digitali, visto che la fila bisogna farla fisicamente. 

Per usufruire dei pasti bisogna effettuare l'iscrizione online sul sito www.apservce.it/pslatina, inserire i dati del bambino, aspettare che arrivi tramite e-mail il codice di conferma, fare il pagamento a mezzo bonifico dei pasti e presentare la copia all'ufficio mensa oppure caricare i ticket non utilizzati lo scorso anno sul proprio conto mensa. Da giorni ormai file di centinaia di persone stazionano all'ufficio mense presso il Palacultura perché l'iscrizione è necessaria per poter usufruire del servizio, la cui partenza è prevista per lunedì 2 ottobre. Alcuni se ne vanno scoraggiati, altri stazionano per ore per risolvere disguidi con la procedura informatizzata: i problemi più frequenti sono il mancato invio del codice via email per completare la procedura e le difficoltà, a causa dell'alta affluenza, nel caricare i vecchi ticket perché portando i libretti all'ufficio si possono registrare i crediti sul conto del genitore. Per queste ragioni il Comune informa che per completare le procedure di iscrizione online alla mensa scolastica, per gli utenti che incontrano difficoltà e per il carico ticket dell'anno precedente gli Uffici competenti siti presso il Palazzo della Cultura, in via Umberto I, resteranno aperti i giorni martedì, mercoledì, giovedì, e venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Un modo per offrire tutte le risorse disponibili all'utenza come spiega anche l'assessore Antonella Di Muro: «Stiamo cercando di soddisfare tutte le esigenze. In molti casi alcune mamme non hanno completato la procedura di invio dei dati attraverso la piattaforma on line, mentre per i blocchetti vecchi c'è tempo per caricarli anche dopo l'avvio del servizio». A ogni scuola sarà distribuito anche un tablet con cui il personale ausiliario potrà tenere conto delle assenze e registrare i bimbi effettivamente presenti a mensa. «Nelle scuole dell'infanzia c'è anche un'altra nota positiva – spiega la Di Muro- la mensa funzionerà una settimana in più rispetto allo scorso anno e cioè fino al 22 giugno 2018. L'obiettivo è arrivare gradualmente a garantire un servizio mensa allineato al calendario scolastico. L'informatizzazione semplificherà la vita non solo ai cittadini, ma anche agli addetti delle scuole, qualche disagio per la fase di rodaggio e l'affollamento di questi giorni purtroppo erano inevitabili».