Case popolari, monta ancora la polemica e CasaPound scende in strada. Si è svolto questa mattina il presidio dei militanti di V.le XVIII Dicembre per richiamare l'attenzione della cittadinanza e della giunta sulla questione delle case popolari di Via Pantanaccio, pronte da più di un anno e non ancora consegnate alle famiglie in graduatoria.
"Siamo stanchi di assistere ad una cronica mancanza di attenzione e di volontà da parte dei servizi sociali, dell'assessore e della giunta tutta, alle problematiche che affliggono gli Italiani del nostro territorio - spiega il responsabile Marco Savastano.  Quando si tratta di alloggiare finti rifugiati e di trovare loro una sistemazione questa giunta sa essere celere come nessuno, mentre pare dimenticarsi delle proprie mansioni quando ha a che fare con le famiglie italiane." Con circa tre milioni di euro spesi per la realizzazione degli immobili, le case popolari in Via Pantanaccio sarebbero in grado di ospitare ben 48 nuclei familiari, togliendoli di fatto dalla strada e da situazioni di abbandono e insicurezza. "Siamo disposti - ha concluso Savastano -  a concedere ancora qualche settimana alle istituzioni per dare risposte concrete, dopodiché non ci resterà che presentarci in aula consiliare per pretendere chiarezza e soluzioni".