Non si ferma l'eco della polemica innescata dall'interrogazione del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri rispetto a presunte irregolarità e anomalie nella gestione del Comune targata Damiano Coletta e Latina Bene Comune. Un affondo, quello di Gasparri, a cui il primo cittadino replicherà domani con una conferenza stampa nel corso della quale vuole mettere in fila tutte le accuse e dimostrare che si tratta solo di una congegnata macchina del fango. «Reputo le dichiarazioni del Senatore false e offensive per tutta la città, tanto più alla luce del recente passato amministrativo. E' l'ennesima testimonianza del degrado etico e morale di un certo modo di fare politica, un modo che fa leva sulla macchina del fango, senza alcun riscontro oggettivo basato sui fatti», afferma il sindaco Damiano Coletta.
Chi si augura che davvero, domani, il sindaco risponda sulle accuse di opacità nella gestione amministrativa, è il coordinatore di Cuori italiani Idea Enrico Tiero che invita appunto Coletta a fare chiarezza. «La campagna elettorale è terminata da quasi un anno e mezzo eppure il sindaco Coletta e il segretario di Lbc non smettono di riproporre alla città il ritornello, sempre più stantio, delle responsabilità del passato. Invece di rispondere nel merito alle accuse di chi puntualmente fa notare i gravi ritardi e le responsabilità di questa amministrazione si preferisce ancora una volta ammantarsi di una presunta superiorità morale e svilire così gli addebiti di chi vede precipitare nel baratro del degrado la città.

I dettagli e i commenti ORA su Latina Oggi