Contro le scelte di Fucci, ma insieme a lui per finire il mandato amministrativo. È questo, in estrema sintesi, il pensiero del gruppo consiliare del MoVimento Cinque Stelle di Pomezia, che ha affidato alla pagina Facebook ufficiale dei pentastellati pometini una riflessione sul presente e sull'immediato futuro politico della maggioranza che governa la città. «Il sindaco Fucci ha assunto una posizione totalmente fuori dall'impegno contratto con i cittadini e dai principi base del MoVimento 5 Stelle, contro tutto il gruppo di Pomezia e il metodo che ha portato la città a raggiungere gli ottimi risultati di questi anni - tuonano i grillini di Pomezia - La Giunta è sempre stato il braccio operativo delle scelte effettuate insieme ai consiglieri e non vogliamo che le decisioni assunte dal sindaco possano turbare l'andamento e la continuità dell'amministrazione pometina che deve arrivare al suo traguardo naturale. Pertanto, nel rispetto del programma elettorale del MoVimento 5 Stelle e del mandato che ci hanno dato i cittadini, oltre alle attività già definite quali opere e servizi, ecco l'elenco degli obiettivi politici da raggiungere entro fine mandato». Da qui parte un lungo elenco di cose da fare nei prossimi mesi: dall'approvazione del Bilancio alla richiesta di controlli per la discarica di Valle Caia, fino alla cura delle dune e passando attraverso un presidio della polizia locale a Santa Palomba, il regolamento delle antenne, del verde e della tutela animali. Non mancano, poi, la mappa del radon, il regolamento sulla disciplina degli orari di apertura delle slot machine e di distanza dai luoghi sensibili, il monitoraggio dei fossi, la riduzione degli imballaggi, il controllo sull'utilizzo dei sacchetti di plastica e la soluzione per il caso "Ex Pettirosso". «Questo - concludono dal MoVimento - per garantire il rispetto del programma e per rendere palese a tutti i cittadini, in nome di quella trasparenza che è un pilastro del MoVimento 5 Stelle, eventuali ‘fughe' politiche del sindaco. In questo periodo sarà ancora più incisivo il nostro controllo sugli atti da compiere e prenderemo ogni iniziativa politica utile a contrastare eventuali decisioni prese in autonomia, fuori da quanto previsto dal programma grazie al quale Fabio Fucci è stato eletto. Se il sindaco rinnegherà anche il programma, prendendo decisioni in autonomia, se ne assumerà le responsabilità davanti alla cittadinanza intera».