Gli attivisti Grillini e Pentastellati puntano tutto su Andrea Ragusa. I due meetup uniti, a maggioranza, hanno scelto il nome dell'attivista che potrebbe rappresentarli come candidato sindaco alla tornata elettorale 2018, ripartendo dalla persona che già 5 anni era parsa la più idonea nelle vesti di potenziale primo cittadino. Pur senza una lista e in attesa che le prove di unità tra i tre meetup ancora divisi diano i propri frutti, gli attivisti dei meetup Cittadini Pentastellati e Grillini Apriliani, che ormai da mesi lavorano uniti sul territorio, mercoledì sera si sono riuniti e attraverso una votazione per alzata di mano hanno scelto la persona a loro avviso più indicata per coprire il ruolo di candidato sindaco, nel caso in cui si riuscirre ad arrivare a meta con la certificazione da parte dello staff di Beppe Grillo. Ad ottenere il maggior numero di voti su una rosa di sei candidati, è stato Ragusa, l'attivista che anche nel 2013 era stato indicato da uno dei due gruppi rivali per ricoprire quel ruolo.
La mancata certificazione, anche per colpa delle divisioni interne, allora decretò l'esclusione del nascente movimento dalla tornata amministrativa. Ma dopo quell'occasione mancata I militanti del M5S ci riprovano, ma prima di poter presentare la lista e chiederne la certificazione, gli attivisti dovranno superare lo scoglio delle divisioni interne. Nelle prossime ore i due meetup incontreranno gli attivisti di Aprilia 5 Stelle che alla riunione di mercoledì non hanno preso parte. Qualora l'unità, tentata per mesi fino ad oggi con pochi risultati, dovesse rivelarsi un'utopia, allora i meetup potrebbero decidere di marciare divisi, mettendo ancora una volta lo staff di Grillo nelle condizioni di scegliere se e chi certificare.
Intanto la scelta di Ragusa viene pesantamente contestata dal Movimento Nazionale per la Sovranità, che ricorda proprio quella vecchia candidatura di Ragusa con Impegno Civico che fu proprio uno dei motivi di scontro con gli altri meetup. "Parlano del nuovo – dice Roberto Malvezzi - che avanza e se questo è il nuovo allora vuol dire che di politica conosciamo poco. Hanno individuato una persona che, con tutto il rispetto, ha ben poco di nuovo visto che in tempi non lontani è stato con Impegno Civico prima e poi con Futuro e Libertá di Fini dopo, ma in entrambi i tentativi sono risultati vani. Ora prova a salire alla ribalta con il Movimento 5 Stelle, che ha sempre buttato fango sulla vecchia politica proponendosi come il nuovo che avanza. Ma se questo è il nuovo ben venga la vecchia deturpata politica".