È l'undicesima interrogazione a firma del consigliere comunale Vincenzo Avvisati, che ha chiesto chiarimenti al sindaco di Sabaudia su un provvedimento amministrativo recente: la proroga per sei mesi del servizio di tesoreria. Secondo il rappresentante di "Amare Sabaudia", la motivazione utilizzata nell'atto amministrativo sarebbe «carente», poiché non sarebbe indicato il motivo per cui, «conoscendo da tempo la data di scadenza del contratto, non sia stata tempestivamente avviata la nuova procedura di gara».
«Com'è noto - spiega Avvisati -, l'istituto della proroga, nella sua accezione tecnica ha carattere eccezionale e di temporaneità e il ricorso alla stessa deve essere adeguatamente motivata, essendo ammessa nei soli casi non dipendenti dalla volontà dell'amministrazione». Nel caso di specie, invece, la data di scadenza era nota dal momento in cui è avvenuta la sottoscrizione del contratto, ossia tre anni fa.
«Sotto il profilo della regolarità dell'azione amministrativa - dice il consigliere - desta preoccupazione il ritardo con cui si sta affrontando la gestione di importanti procedimenti, con la conseguenza di ricorrere a proroghe, che nel caso del servizio di tesoreria appare priva di adeguata motivazione da riportarsi nel provvedimento». Ecco il perché dell'interrogazione.