Che dovesse essere accolta all'ultimo piano dell'istituto "Alfredo Fiorini" in via dei Bonificatori, a Borgo Hermada, è notizia del 2015. Ma l'Officina delle arti e dei mestieri, luogo di aggregazione e sviluppo di competenze dedicato ai giovani previsto in tutto il Lazio dall'ente regionale, finanziato a partire dal 2013, non è mai stata realizzata. Tante ipotesi, tanti annunci, ma dei 105 mila euro riconosciuti dalla Regione, che il Comune ha rischiato di perdere prima di capire come recuperarli, non c'è una sola determina di accertamento di entrata, o di spesa. Perciò oggi appare poco chiara, se non oscura, un'altra determina del settore Manutenzioni, la numero 1705, che parla di "Affidamento lavori di potenziamento e sviluppo di una rete regionale delle officine dell'arte e dei mestieri". Si parla di "forniture" per le quali solo il 21 dicembre scorso sono state individuate e invitate tre ditte locali, per acquisire i preventivi entro il 27 dicembre. Hanno partecipato la Edil Global di Mandatori Mario, la Co.Ge. Strade e la ditta Di Fabio Renato & Figli. È quest'ultima ad aver presentato l'offerta più favorevole. Così il Comune impegna 24 mila euro per questi lavori di potenziamento dell'Officina dell'arte e dei mestieri. Che però, almeno ufficialmente, non è mai nata. Dunque, è la domanda che ci si pone, è: per potenziare cosa?