L'orgoglio e la consapevolezza. Di aver fatto partire l'azienda Abc e di non voler lasciare alle nuove generazioni una città peggiore di quella ricevuta in dote. Parte da questi due sentimenti il capogruppo di Lbc e presidente della commissione Ambiente Dario Bellini (che ha convocata la prossima seduta invitando il direttore Michele Bernardini) nel commentare la partenza di Abc e nel mettere a tacere le sirene dei detrattori. «L'orgoglio è per avere rispettato gli impegni quando nessuno ci credeva, aver fatto partire questa azienda e avervi riassorbito i lavoratori tra operai e amministrativi, questo è un grandissimo risultato di cui la città deve andare orgogliosa». Bellini assicura che disagi grandi e piccoli si riassorbiranno in poche ore nel 90% della città, non c'è più il problema di riassetto attorno ai sacchi. «C'è stato un grosso lavoro se si pensa che in nove giorni Abc ha raccolto 1,2 milioni di chili di indifferenziato. Ora il servizio sarà ampliato e questo creerà nuove occasioni anche per chi è rimasto fuori. Abc diventa un braccio operativo del Comune e quindi ci serviranno altri lavoratori che saranno integrati, invito a non cedere alle sirene che recitano la pedante liturgia del dramma, forse funzionali alle elezioni regionali, perché a questo pessimismo cosmico secondo il quale non saremmo riusciti neanche a far partire Abc, abbiamo risposto con i fatti: l'azienda è partita con un servizio che domani sarà ampliato non c'è bisogno di striscioni allo stadio e appelli. C'è bisogno della collaborazione di tutti, questo sì». Una questione centrale questa della collaborazione e del controllo sociale, per questo Lbc fa un appello ai cittadini. «I disagi fisiologici dei giorni scorsi stanno rientrando nel 90% della città, nella logica ci stanno i disguidi, non ci sta che i cittadini non ci aiutino. E' difficile pretendere una città a posto se tutti non fanno la loro parte. Il controllo sociale è fondamentale, chiunque di noi oltre a deporre in orari e modi giusti. E non deve mancare ovviamente il controllo del Comune: attiveremo varie azioni, con telecamere e vigili e riattiveremo a breve le isole ecologiche». Per Bellini la nuova gestione «ci permetterà di uscire da una situazione di cui tutti ci siamo lamentati per anni, quella tipologia di raccolta a terra che ha creato degrado, non a caso nei borghi dove c'è il porta a porta la raccolta funziona bene». Dobbiamo fare nostra questa cultura della differenziata per non lasciare ai nostri figli una città peggiore di quella che abbiamo avuto, oltre che per abbassare il costo dei rifiuti in bolletta. E capire che Abc può diventare il braccio armato del Comune permettendo in futuro anche di fare lavori supplementari rispetto al passato e che ad oggi rendono difficile il decoro».