La Provincia di Latina impugna la determina dirigenziale della Regione Lazio sulla pronuncia di Valutazione d'impatto Ambientale (Via) del progetto per l'impianto biometano di via del Campo.  L'amministrazione provinciale ha dato mandato all'avvocato Peppino Mariano, del foro di Roma, di presentare un ricorso straordinario al Capo dello Stato per chiedere l'annullamento dell'atto di alcuni mesi; una determina che richiedeva ulteriori integrazioni alla società Friel che intende realizzare un «impianto di produzione di biometano a basso impatto ambientale mediante recupero e trattamento della frazione organica».
La determina dirigenziale della Regione del 7 agosto 2017 non si era infatti espressa per un'autorizzazione o per un diniego rispetto alla richiesta di Via, ma aveva comunque messo ben 22 «paletti» alla società, prescrizioni da assolvere per poter poi valutare la richiesta. Tuttavia la Provincia di Latina ha comunque ritenuto che esistono motivi fondati per impugnare gli atti e perciò ha promosso il ricorso straordinario al Capo dello Stato per chiedere l'annullamento del provvedimento. Quella dell'impianto di via del Campo è una vicenda che negli ultimi tempi è caduta nel dimenticatoio ma che, nel 2015, suscitò vibranti proteste e polemiche nel mondo politico e associativo. L'amministrazione comunale si mostrò contraria al progetto presentando delle osservazioni, così come diversi consiglieri d'opposizione che si sono opposti alla proposta di un sito per la produzione di biometano, sottolineando la notevole proliferazione di impianti simili sul territorio di Aprilia.