Un invaso con una volumetria abbancabile pari a un milione e 350 mila metri cubi, da realizzare su un terreno in via Ardeatina, nel comune di Aprilia ma al confine con Ardea. Sono questi alcuni dettagli del progetto dalla società Ecosicura per realizzare un deposito di residui innocui derivanti da impianti di trattamento recupero e valorizzazione dei rifiuti, una vera e propria discarica per il mondo politico che da settimane si è mobilitato per bloccare il piano.
Ieri negli uffici comunali è arrivata la documentazione allegata alla richiesta di Via (Valutazione d'impatto Ambientale) presentata dalla società di Vincenzo e Fabrizio Fiorillo, documentazione che è consultabile sul sito del Comune di Aprilia da parte di tutte le associazioni e i singoli cittadini che intenderanno presentare osservazioni contro la Via.
Ecosicura intende realizzare l'impianto a Casalazzara, in zona Colli del Sole, con l'ingresso in via Ardeatina. Il lotto di interesse ha una superficie totale di 253 mila metri quadrati mentre l'impianto, compreso dei servizi necessari, occuperà una superficie di 96 mila 400 metri quadrati, di cui la vasca, misurata al bordo superiore, occuperà circa 92 mila 300 metri quadrati. Insomma, un mega impianto che aumenta le preoccupazioni e i timori della cittadinanza.