La città di Aprilia ricorda i caduti dello Sbarco alleato rimasti senza sepoltura. Ieri mattina, nel comprensorio studentesco via Carroceto, si è svolta la cerimonia istituzionale a quattro anni dall'inaugurazione del monumento alla memoria del tenente Eric Fletcher Waters e gli altri caduti nella seconda guerra mondiale, un'inaugurazione che vide la presenza di Roger Waters (figlio del tenete e fondatore dei Pink Floyd) e del veterano Harry Shindler.

La cerimonia istituzionale odierna, promossa dal Comune di Aprilia, è inserita nel circuito celebrativo dello Sbarco, di cui ricorre il 74esimo Anniversario. Alla manifestazione hanno preso parte le autorità militari, civili e religiose, le rappresentanze delle associazioni combattentistiche e d'Arma, dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, delle Associazioni di Volontariato, oltre ad una delegazione studentesca. Nella prima parte della giornata celebrativa è stata deposta una corona d'allora e, successivamente, presso l'auditorium del Liceo "Antonio Meucci" il personale docente dell'istituto superiore ha promosso una conferenza rievocativa con una lettura critica del libro "Diario di Guerra" di Anna Ridolfi (cittadina apriliana scomparsa ancora 18enne nell'immediato dopoguerra), a cui hanno partecipato anche i concittadini Pasqualino Nuti (autore del libro "Aprilia, i giorni della guerra e gli occhi di un bambino") e Pietro Nencini (autore del libro "Frammenti di Aprilia sparita. Quando io e lei avevamo venti anni"