Dopo una domenica di riflessione, i cinque assessori di Nettuno che avevano rimesso le deleghe in mano al sindaco, cioè Daniele Mancini, Stefano Pompozzi, Guido Fiorillo, Nanda Salvatori e Simona Sanetti hanno deciso di sfidare apertamente il sindaco Angelo Casto. 

Dopo aver rimesso le deleghe in mano al sindaco, infatti, i cinque hanno atteso invano una mossa di riavvicinamento e, anziché vedersi revocare gli incarichi, hanno deciso che appena aprirà il protocollo del Comune consegneranno le loro dimissioni. 

In più, in un documento diffuso pochi minuti fa, hanno annunciato anche che occorre chiedere l'espulsione dei dieci consiglieri del Movimento Cinque Stelle che avevano chiesto il ritiro delle deleghe a Mancini, Pompozzi e Fiorillo, minacciando di non votare il bilancio. 

Insomma, la situazione sembra precipitare sempre di più verso il baratro ora dopo ora.