I dissidenti della lista Terzo Polo Aprilia Futura  criticano le modalità dell'uscita dalla maggioranza Terra del movimento. Un addio sbagliato "nei tempi e nei modi" per Yuri Pasqualotto e Claudio Di Marcantonio che - pur sottolineando i notevoli problemi che si erano creati con le altre liste della coalizione civica - non hanno condiviso questo percorso, lasciando il gruppo. "Desideriamo ristabilire la verità e contemporaneamente chiarire la nostra posizione rispetto alle dichiarazioni del gruppo dirigente. In qualità di semplice iscritto (Pasqualotto, ndr) e di componente del direttivo (Di Marcantonio) abbiamo espresso piena contrarietà alla scelta del resto del gruppo di non condividere più il percorso intrapreso nel 2009 con l'attuale maggioranza, palesando con il nostro voto la volontà di abbandonare il movimento".

Anche i dissidenti tuttavia confermano che ormai erano enormi i problemi tra il Terzo Polo e le altre forze della coalizione, sconfessando le parole del sindaco Terra che ancora oggi tende a minimizzare l'abbandono del movimento parlando di problemi "personali". Tuttavia Di Marcantonio e Pasqualotto sottolineano come questo percorso avrebbe dovuto avere tempi e modi ben diversi, anche perché circa un anno e mezzo fa hanno tentato di aprire un dibattito all'interno del gruppo proprio per cercare di cambiare marcia all'interno della coalizione civica. "Pur condividendo in parte le motivazioni che sono state portate all'attenzione dell'opinione pubblica, riteniamo che non sia stata la scelta giusta sia nei tempi che nei modi. Circa un anno e mezzo e fa, abbiamo cercato di aprire un dibattito interno al gruppo con l'obiettivo di analizzare le problematiche che avevano in qualche modo posto l'accento sui rapporti all'interno di questa maggioranza, proprio in quel contesto avrebbe avuto senso anche valutare alternative o meglio riequilibrare e rafforzare una maggioranza che vedeva nel Terzo Polo una colonna portante del progetto civico. Tutto ciò  non è stato preso in considerazione, scegliendo di proseguire comunque, per 'un senso di responsabilità', senza in realtà risanare le fratture che nel tempo sicuramente hanno logorato profondamente i rapporti . Vorremo infine ricordare che del gruppo storico del Terzo Polo, oltre gli scriventi, tanto in passato, con l'abbandono di Luigi Bonadonna, quanto nel presente con l'uscita di Gianfranco Caracciolo (passato ad Aprilia Domani), Daniela Carissimi , Fabio Greco ed altri; ci sia stato un graduale allontanamento di donne e uomini che avevano creduto in un progetto, che purtroppo oggi si sta cercando di snaturare, ipotizzando una diversa collocazione dell'ultima ora".