Domenica scorsa, ad Ardea, centinaia di cittadini e romani si sono riversati sulla spiaggia al fine di prendere il primo sole di stagione. Purtroppo, però, lo stato degli arenili non era dei migliori. A segnalarlo è il consigliere comunale d'opposizione Luca Fanco, che ha deciso di inviare un esposto al sindaco Mario Savarese, al comandante della polizia locale, ai carabinieri del Noe, alla Finanza di Pomezia e alle Procure della Repubblica di Velletri e della Corte dei Conti, al fine di rendere noto lo stato della costa ardeatina.

«Ho constatato la presenza di rifiuti speciali di ogni tipo sull'arenile - scrive Fanco -, ma ho anche raccolto le lamentele dei cittadini, spesso impossibilitati a stendere il proprio asciugamano sull'arenile o fermarsi a consumare dei cibi».

Tra l'altro, ricorda Fanco, già l'otto marzo e il due aprile scorsi lo stesso presidente della commissione Controllo e Garanzia del Comune aveva sottolineato lo stato piuttosto indecoroso delle spiagge, evidenziando la necessità di una bonifica che, successivamente, era arrivata.
«Si diffidano le autorità competenti - conclude l'esposto di Fanco, al quale sono state allegate alcune foto - ad adempiere all'immediata rimozione di tutti i rifiuti speciali presenti sull'arenile, chiedendo alle autorità giudiziarie di intraprendere i provvedimenti necessari per le omissioni denunciate e alla Procura regionale della Corte dei Conti di quantificare il danno economico causato ai titolari delle attività balneari e il danno d'immagine causato alla città».