Valorizzare e riqualificare il centro urbano attraverso investimenti strutturali su illuminazione e strade, trasferendo il mercato coperto nella buca del'ex Cral e realizzando dei parcheggi sotterranei. Sono questi alcune delle proposte avanzate dal candidato sindaco del centrodestra, Domenico Vulcano, che ieri mattina nella sala Ragazzi del biblioteca comunale ha presentato il progetto del Centro commerciale naturale. Una bozza progettuale, realizzata dall'ingegner Fabio Marchetti e dall'architetto Aldo Chizzoniti, che vuole essere da stimolo per il rilancio del commercio locale. «Oggi le attività commerciali soffrono sia per la mancanza di un piano amministrativo che vada incontro alle loro sofferenze dal punto di vista economico e fiscale, sia per un sistema che ha visto al primo posto lo sviluppo della grande distribuzione. Perciò - commenta Vulcano - pensiamo a interventi strutturali sull'illuminazione e sui parcheggi; la strada stessa che fungerà da piattaforma commerciale aperta; le aree che durante il giorno sono destinate a parcheggio si trasformeranno in salottini ad uso degli stessi negozi: sono alcuni degli spunti che potrebbero essere approfonditi e analizzati con cura».
Attualmente un progetto per migliorare il decoro del centro esiste già ed è stato finanziato dalla Regione Lazio, ma come spiega l'architetto Chizzoniti: «La nostra proposta non modifica, né sostituisce: migliora. Altri progetti - continua - se utili sono ben accetti, questa era una bozza progettuale presentata circa 10 anni, negli ultimi mesi della giunta Santangelo».
Per riuscire a realizzare il centro commerciale naturale sarà però indispensabile trovare coperture economiche, perciò sarà fondamentale il ruolo dello Sportello Europa. «Per realizzare il piano - continua Marchetti - c'è bisogno di fondi regionali ed europei, perciò è necessario potenziare le strutture comunali competenti affinché riescano a reperire i progetti e finanziamenti utili». E su questa tema Vulcano continua spiegando che: «Si tratta di uno studio effettuato in grande stile che potrebbe trasformare e migliorare il volto di questa città, i cui costi potrebbero rientrare fra i bandi previsti dai fondi Europei. E la prima cosa che non deve mancare è la volontà politica, consentendoci di pensarlo, imponente e importante».
Una proposta organica che potrebbe scontrarsi però con gli atti amministrativi già approvati dalla giunta Terra, che in questi mesi ha indetto un bando per l'assegnazione della buca dell'ex Cral (dove il centrodestra vuole realizzare il mercato, ndr) alle associazioni sportive. «Da quello che ci risulta - commenta Vulcano - quell'area è già stata assegnata ma questo non ci scoraggia, procederemo a una revoca in autotutela e porteremo avanti il progetto del nuovo mercato».