«La scuola deve essere il centro del villaggio. Gli studenti, i bambini, i ragazzi, i giovani non sono il futuro della nostra città, sono il presente della nostra e di tutte le città. Devastare una scuola, attaccarla con atti vandalici, vuol dire attaccare al cuore un'intera città: ogni cittadino si senta offeso dalla violenza e dalla barbarie che questa notte ignoti delinquenti hanno riversato nelle aule della scuola "De Amicis"». Così l'Assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Latina Gianmarco Proietti commenta la devastazione messa in atto nella notte nei locali della scuola primaria a Piazza Col di Lana, nel quartiere Nicolosi.

I funzionari del Comune questa mattina si sono recati presso il plesso scolastico per valutare i danni. L'assessore Proietti e il collega di Giunta Emilio Ranieri, delegato a Lavori Pubblici e Manutenzioni, sono al lavoro per organizzare gli istituti della città in vista della prossima stagione sui banchi: «Le scuole rimarranno una nostra priorità. Colpirle – ribadisce Proietti - vuol dire colpire la città intera e questa Amministrazione non rimarrà indifferente. Stiamo potenziando tutti i servizi scolastici, dalle mense al trasporto, dalle strutture (con un imponente piano della sicurezza) ai servizi per i disabili perché nessuno sia escluso. Non lasceremo soli i bambini nè il personale educativo della scuola "De Amicis". Siamo vicini agli alunni, agli insegnanti, al personale ausiliario e amministrativo, al dirigente scolastico e a tutti i cittadini colpiti da questo atto violento e criminale».