Il sindaco di Latina Damiano Coletta è a dir poco deluso dal mancato incontro istituzionale con il Ministro dell'Interno Matteo Salvini. Nei giorni scorsi, infatti, una volta appreso della presenza del vicepremier alla Festa regionale della Lega che si è svolta ieri al Parco Falcone e Borsellino, Coletta ha inviato una richiesta di incontro ufficiale al Ministro dell'Interno per discutere con lui e aggiornarlo circa "le recenti e preoccupanti indagini della magistratura che hanno interessato il tessuto politico-amministrativo della provincia pontina". Coletta fa sapere che "la richiesta dell'incontro era stata accettata poi, nell'imminenza dell'arrivo a Latina, Salvini ha annullato l'appuntamento".

"Ho appreso all'ultima ora  – dichiara il sindaco Coletta – che l'appuntamento fissato con il Ministro dell'Interno  e Vice Premier Matteo Salvini è stato annullato dallo stesso Ministro. In questa occasione avrei consegnato un documento inerente alcune questioni urgenti che non riguardano una specifica parte politica ma la città e l'intero territorio pontino.  Argomenti di particolare rilievo quali la sicurezza, il contrasto alle mafie e al caporalato, il potenziamento degli Uffici giudiziari e il governo del fenomeno migratorio. Oltre alle annose mancanze dei governi centrali sui sistemi delle infrastrutture. Dispiace che Salvini abbia dato la precedenza agli impegni di partito rispetto al ruolo di Ministro dell'Interno e di rappresentante del Governo, mancando così di rispetto nei confronti dell'Istituzione e della comunità che rappresento. Abbiamo capito che in Italia c'è sempre una campagna elettorale, senza soluzione di continuità, ma i diritti della comunità del nostro territorio non possono passare in secondo piano. Per questo motivo nei prossimi giorni invierò il documento al Ministro, ribadendo il mio impegno nel dare  quelle risposte che la città e il territorio attendono da troppi anni".

Dallo staff di Matteo Salvini, ieri sera al Parco Falcone e Borsellino, nessuno però confermava questo incontro. L'unico in programma, dicono, era quello in Prefettura, oltre ovviamente al comizio al Parco. Ed è proprio qui, infatti, che sarebbe dovuto avvenire l'incontro. La disdetta del ministro dell'Interno è arrivata dalla segreteria del Viminale, che ha infatti annullato l'incontro in Prefettura. Tanto che il Prefetto Maria Rosa Trio e il Questore di Latina Carmine Belfiore sono andati al Parco Falcone e Borsellino dove hanno salutato il ministro.