"La città versa in uno stato di profondo degrado. La situazione sta diventando insostenibile, tanto più se si considera che le erbacce alte, i rifiuti accatastati vicino i secchi, con la pulizia e sanificazione degli stessi inesistente, diventano ricettacolo di blatte, topi, anche in prossimità delle scuole". Il presidente di Idea Gianluca Di Cocco chiede all'amministrazione comunale e all'azienda speciale di intervenire prontamente per migliorare il servizio. Perché la situazione è fuori controllo. 

"Il degrado riguarda tutta la città, a conferma di una totale mancanza di interventi e controlli da parte della struttura comunale. Eppure l'azienda ABC viene ben retribuita per svolgere questi compiti e non è possibile che ci si riduca ogni volta a situazioni insostenibili. Spettacolo desolante, con rifiuti abbandonati e con erbacce che sembrano alberelli. A che vale spendere fatiche e pensieri su progetti pindarici se poi lo spettacolo che viviamo e proponiamo è questo?.Altro che eccellenza, la verità è che Latina non è per niente quel Comune virtuoso che qualcuno in piazza del popolo dipinge con l'unico scopo di farsi propaganda. Sarà anche riuscito qualcuno a farsi una bella operazione di maquillage per raggiungere lo scopo di vincere le elezioni, ma oggi, non può smentire i fatti. Il Comune di Latina è stato declassato, questo è un fatto.

Si potranno continuare anche tirar fuori tutte le giustificazioni di questo mondo ma il declassamento che stiamo subendo è un fatto che non si cancella. Con l'eccellenza di cui si riempie la bocca la nostra amministrazione, non si mangia e non si fanno quadrare i bilanci, questa è la verità. I cittadini ormai lo sanno bene. Vedono tutti i giorni i disastri che ha combinato questa amministrazione comunale, vedono il degrado che cresce ovunque e gli sprechi che si moltiplicano, vedono i cantieri e le opere ferme, vedono la gente che fa fatica a tirare alla fine del mese. L'elenco degli orrori di questa amministrazione è troppo lungo e i cittadini lo conoscono fin troppo bene per proseguire oltre.

Di fronte a questo quadro desolante l'unica soluzione, lo ripeteremo fino a che sarà necessario, è quella di compiere finalmente un gesto a favore della città, quello di farsi da parte ammettendo di aver fallito".