L'amministrazione comunale di Latina ha esaltato l'avvenuto cambio alla gestione del trasporto pubblico, forse uno dei pochi successi che può vantare. Tuttavia ha omesso di rendere noto che nel passaggio delle consegne tra Atral e CSC, due lavoratori ex Schiaffini hanno perso il proprio posto.  Lo afferma la consigliera comunale di Forza Italia Giovanna Miele che ha deciso di sollevare la questione questa mattina in commissione Trasporto, senza avere però le risposte che si era aspettata.
"Non sono stati riassorbiti infatti dal nuovo gestore, che ha lamentato eccessive spese iniziali, dovute soprattutto all'acquisto dei mezzi.  Ho sollevato oggi la questione in commissione trasporti ottenendo in cambio un silenzio imbarazzato e la promessa che se ne discuterà alla prossima seduta, a cui sono chiamati a riferire anche i sindacati. Che il capitolato d'appalto non garantisse tutti i lavoratori era questione nota, ma che è finita nel dimenticatoio nell'euforia dell'avvenuta aggiudicazione della gara. Tenere due persone a casa comporta tenere due famiglie in ansia. Non possiamo accontentarci della promessa del nuovo gestore che presto saranno riassorbiti. Dobbiamo avere garanzie e io pretendo che l'amministrazione si faccia carico di questa situazione e si adoperi per risolverla garantendo il reintegro dei due dipendenti del trasporto pubblico che da tre mesi sono senza lavoro".