Un Consiglio Provinciale che non ha visto l'unanimità dell'assise soltanto sul Dimensionamento della rete scolastica relativo all'anno scolastico 2019/2020, mentre c'è stato unanime consenso sugli altri punti all'ordine del giorno, ovvero il trasferimento di tratti della rete provinciale al demanio della Regione Lazio; l'adesione al Consorzio Energia Veneto di enti pubblici - Decreto Presidenziale n° 70 del 12/06/2018 - Ratifica; e l'adesione al servizio per l'utilizzo della piattaforma telematica centralizzata del Consorzio Energia Veneto di enti pubblici - CEV ai sensi dell'art. 40 del Codice dei contratti; la convenzione per l'esercizio in forma associata delle funzioni di Segretario Provinciale e Comunale.

Dopo un'ampia e pacata discussione sul Piano di Dimensionamento della Rete Scolastica Provinciale, la proposta non ha visto però la condivisone da parte dei consiglieri Massimo  Di Trento e Maria Grazia Ciolfi per quanto riguarda l'unificazione del Liceo Classico "D. Alighieri" con l' "ITC V. Veneto-Salvemini" sottodimensionato e contestuale costituzione di un Istituto di Istruzione Superiore per un totale di 1102 alunni. Nei loro interventi i consiglieri Di Trento e Ciolfi hanno ribadito che "non può essere un'alternativa l'accorpamento dei due istituti scolastici" il Presidente Carlo  Medici ha tenuto a precisare che "non viene lesa alcuna autonomia ai due istituti e l'obiettivo principale è mettere al centro l'offerta formativa migliore per i ragazzi".  

Nessuna variazione per gli altri istituti scolastici provinciali e nuove proposte circa la riorganizzazione degli istituti Comprensivi "Don Andrea Santoro" e "San Tommaso D'Aquino" nel Comune di Priverno; il mantenimento dell'autonomia scolastica dell'Istituto Comprensivo "Carlo Pisacane" di Ponza con aggregato ITC per il Turismo. Sono stati istituiti inoltre nuovi indirizzi scolastici per l'IIS Gobetti-De Libero di Fondi; l'IIS Fermi-Filangieri di Formia; l'IIS G. Caboto di Gaeta; l'ISISS Pacifici-De Magistris di Sezze; l'IPS Filosi di Terracina. Spetta ora alla Regione Lazio, alla Direzione Regionale competente in materia di istruzione e all'Ufficio scolastico regionale per il Lazio per gli atti conseguenti.

Approvati invece all'unanimità gli altri punti in discussione. In particolare  il trasferimento di tratti della rete provinciale al demanio della Regione Lazio per circa 177 Km di strada che va da Ardea a Velletri entrambi ai confini della Provincia di Roma  passando per Cisterna,  Borgo Piave, Migliara, Appia, Lenola, Ausente, Taverna,  che faranno parte della rete complessiva regionale della SR 148 e  SR 156;

A conclusione della seduta il consigliere provinciale e sindaco di Minturno  Gerardo Stefanelli ha rassegnato le proprie dimissioni da consigliere provinciale.