"Persone nuove, lontane dai vecchi schemi della politica e al di là dei partiti di provenienza". Con queste parole si presenta alla città il nuovo comitato "Piazza Grande Latina", gruppo a sostegno del presidente della Regione, Nicola Zingaretti, oggi candidato alla segreteria del Pd. Come tengono a sottolineare i componenti, il comitato non è legato al Pd territoriale, ma è fatto di ragazzi e meno giovani che si vogliono riaffacciare sul discorso di Zingaretti di costruire una nuova sinistra, un'alternativa che parte anche dai territori, cercando di coinvolgere persone che si sono allontanate dal Pd. "Un comitato fatto di  persone unite dalla consapevolezza che serva un nuovo modo di fare politica che non ricada nei vecchi schemi che tutti conosciamo - scrivono i membri del gruppo - ma sulla necessità di tornare a parlare con le persone, di mettere al centro i loro bisogni e le loro priorità, dalla convinzione che Piazza Grande sia l'occasione per tornare a parlare del territorio con il territorio, abbattendo la profonda distanza tra società ed istituzioni. Vogliamo quindi chiamare a raccolta persone che vivono diverse realtà sociali, condividere esperienze ed analizzare esigenze per poi tradurle in azione politica e proposte d'alternativa. È indispensabile che in questa fase di forte cambiamento interno e non, le esigenze partano dal basso e vengano intercettate dai corpi intermedi. Siamo profondamente convinti che vada cambiato linguaggio perché le componenti sociali cambiano forma, talvolta sostanza, ma dobbiamo necessariamente rimediare all'errore delle ultime classi dirigenti: non aver più intercettato i bisogni e le difficoltà delle persone, vivendo la politica in modo autoreferenziale. Nasce quindi il bisogno di una politica sociale con un carattere plurale, democratico e culturalmente laico. Dobbiamo tornare a parlare. Superando questo forte individualismo, materialismo e isolamento, creando uno spazio di discussione e di elaborazione che generi soluzioni concrete e non semplici a questioni complesse. Siamo convinti che Zingaretti attualmente sia l'unico candidato in grado di rigenerare il PD ma anche l'intero campo del centrosinistra, perseguendo questi obiettivi mettendo prima le persone: da soli si va più veloce ma insieme si va più lontano".