Botta e risposta a distanza tra l'ex sindaco Vincenzo Zaccheo e l'assessore ai Lavori pubblici Emilio Ranieri sulla sede della Procura e il completamento della cittadella giudiziaria. 

Le parole di Zaccheo 

«Ma quale mostro inutile? Il problema dell'Ordine degli Avvocati non è che la sede degli uffici giudiziari possa finire nel Centro direzionale della città, cioè nel posto giusto. No, la questione che deve interessare è che quella struttura ancora non si riesce a completare, malgrado dieci anni fa fosse praticamente finita».
L'ex sindaco Vincenzo Zaccheo non ce la fa a trattenersi, e appena lette le dichiarazioni del rinnovato presidente delle toghe pontine sulla questione della Cittadella giudiziaria sbotta come un fiume in piena.
«E a proposito delle spese di cui parla l'avvocato Lauretti - insiste Zaccheo - va sottolineato che con la Cittadella giudiziaria il Comune di Latina verrebbe sgravato di un canone annuo di 1,2 milioni di euro; e senza dimenticare che attualmente la Procura è ospite, in modo più o meno legittimo, in un capannone artigianale con un cambio di destinazione d'uso provvisorio. La realizzazione di quell'opera in centro direzionale fu reclamata dal Presidente dell'Ordine Michele Pierro, dal presidente del Tribunale Raponi e dal Procuratore Mancini nel corso di diverse riunioni. Era là che dovevano sorgere le sedi di tutti gli uffici giudiziari pontini, anche perché all'epoca Latina era in predicato per diventare sede di Corte di Appello, e il palazzo di Piazza Buozzi sarebbe servito per quell'uso».

La replica di Ranieri 

Imprecisioni macroscopiche quelle contenute nelle parole di Vincenzo Zaccheo, ex sindaco di Latina, sulla vicenda della Cittadella giudiziaria, una delle eterne incompiute della città. A stanare l'ex primo cittadino è l'assessore comunale ai Lavori pubblici Emilio Ranieri, che elenca le inesattezze nelle parole di Zaccheo e rivendica la bontà dell'azione intrapresa sulla vicenda da parte dell'amministrazione comunale. «Sono rimasto sorpreso nel leggere le dichiarazioni di Vincenzo Zaccheo - afferma Emilio Ranieri - In primo luogo falso che il Comune di Latina stia subendo un danno dalla Cittadella incompiuta a causa dell'affitto dell'attuale sede della Procura di Latina. E' dal 2016 che il Comune non paga più quell'affitto da 1,2 milioni di euro l'anno. Dunque, quando Zaccheo dice che il Comune verrebbe sgravato di quella spesa, lo informo che è già così e da almeno tre anni». E anche in passato le cose erano un po' diverse. «Il canone d'affitto veniva anticipato dal Comune - spiega Ranieri - a cui poi il ministero restituiva la cifra. Tra l'altro avanziamo una decina di milioni di euro dal Ministero, in questo senso».