Nel corso della sua ultima seduta, la Giunta comunale di Velletri ha approvato il Bilancio di previsione 2019-2021, il primo dell'era di Orlando Pocci come sindaco della città.

In particolare, il documento analizza tutte le previsioni di entrata e di spesa, con il Collegio dei revisori dei conti dell'ente che ha espresso parere favorevole sul documento economico-finanziario.

Chiaramente, fra le entrate spiccano quelle di natura tributaria: l'ente, nello specifico, nell'anno in corso punta a incassare quasi 15 milioni di euro con la Iuc (Imposta unica comunale): di questi, oltre sei e mezzo proverrebbero dall'Imu, "soli" 60mila euro dalla Tasi e oltre otto milioni dalla Tari. L'addizionale Irpef comunale, invece, prevede un gettito di poco meno di quattro milioni di euro.

Nelle voci in uscita, come in tutti gli enti locali, quasi tutto il bilancio viene assorbito dagli stipendi del personale e dalle spese per i servizi al cittadino.

Un capitolo a parte merita la riscossione dei tributi non versati: nel 2019, l'ente punta a incassare quasi un milione e mezzo di euro.