Convocazione congiunta delle commissioni sport e lavori pubblici, alla presenza anche dei rappresentanti delle società che utilizzano lo stadio Caracciolo Carafa-Rolando Conte. Questa l'iniziativa adottata dal consigliere comunale della Lega, Massimo Moni, il quale ha promosso questa iniziativa, dopo la chiusura dello stadio di via Luigi Cadorna, in quanto privo dell'agibilità prevista. Il club del Suio, che aveva deciso di giocare le gare interne sul campo che in passato ha ospitato i grandi successi della società locale, ora scomparsa, dopo l'ordinanza del sindaco di disputare le gare a porte chiuse, ha deciso di trasferirsi nel casertano, a San Castrese. «E' necessario- ha detto Massimo Moni- prendere questa situazione di petto e capire quali sono le difficoltà che impediscono il nulla- osta all'agibilità. Ci sono dei lavori da fare? C'è da fare una ristrutturazione? Voglio capire quali sono i problemi, perché è veramente triste vedere deserto quel campo che ha sempre ospitato eventi sportivi. In passato, in consiglio comunale, avevo affrontato la questione del campo, chiedendo la realizzazione di un terreno in erba sintetica, in quanto siamo uno dei pochi Comuni dove si gioca ancora sulla terra battuta. C'è anche la possibilità di poter avviare un discorso col Credito Sportivo, ma per ora, l'opera, per motivi economici, è stata programmata per le prossime annualità».