Continuano le lamentele sulle occupazioni di suolo pubblico a Pontinia, materia che già nelle scorse settimane aveva fatto discutere. Ora sull'argomento intervengono sia il circolo del Pd, tramite il segretario Fabiana Cappelli, che il consigliere comunale Valterino Battisti. Dal Pd, partito del sindaco Carlo Medici e di buona parte della maggioranza, arriva un invito a far rispettare maggiormente le regole. «Il direttivo, dopo una riunione, ha preso in esame il problema dell'occupazione del suolo pubblico. Con il sopraggiungere dell'estate e l'intensificarsi degli eventi che saranno dislocati per la nostra città e che richiameranno moltissime persone, ci sarà di sicuro un'affluenza maggiore anche nelle attività commerciali. Per questo motivo il Pd ha ritenuto di dover affrontare il tema del rispetto delle norme riguardo l'occupazione del suolo pubblico, indicando, al fine di agevolare il lavoro della polizia locale, la predisposizione di marcature a terra tramite l'uso di vernice che vada a segnalare e a delimitare la corretta occupazione del suolo pubblico. Il partito ha inoltre richiesto che vengano posizionati vicino alle attività commerciali dei contenitori della raccolta differenziata, così da permettere il corretto smaltimento dei rifiuti». Richieste, queste, che nei giorni scorsi erano già state presentate dal consigliere con delega al Commercio, Fernando Ronci, e dal collega con delega alla Sanità, Valterino Battisti. «Un'azione in completa sinergia - conclude il segretario del Pd Cappelli - tra i consiglieri e il partito per cercare di garantire un'estate nel rispetto delle regole e del divertimento per tutti».
Sull'argomento è intervenuto anche il consigliere comunale Valterino Battisti. «Nei giorni passati - ha detto - mi sono recato personalmente presso il comando della polizia municipale per chiedere di svolgere ulteriori controlli sul rispetto delle regole per le occupazioni del suolo pubblico. Il comando, però, deve fare i conti con carichi di lavoro insostenibili, aggravati dal fatto che ai vigili è stato chiesto di effettuare le verifiche sulle richieste di risarcimento per il maltempo di ottobre. Competenze, queste, che potrebbero essere assegnate ad altri, visto che ci troviamo nel pieno della stagione estiva, con tutte le criticità e le potenziali emergenze da fronteggiare».