Tra le interrogazioni presentate in vista del Question Time di giovedì c'è quella relativa al cimitero di Sezze, nei mesi scorsi finito agli onori delle cronache per un'inchiesta che inizialmente è partita da presunti reati legati all'induzione alla prostituzione minorile e allo sfruttamento della prostituzione, ma che poi si è allargata anche alla gestione dello stesso camposanto, al taglio degli alberi presenti al suo interno e, soprattutto, alle concessioni cimiteriali, con diversi sopralluoghi degli investigatori e alcuni sequestri anche all'interno dell'ufficio comunale preposto.

A tenere alta l'attenzione sono state Rita Palombi ed Eleonora Contento, esponenti di SezzeBeneComune, che hanno presentato un'interrogazione proprio sulle concessioni. Le due hanno selezionato 18 concessioni, sottoscritte da altrettante determinazioni degli uffici preposti dal 28 novembre dello scorso anno al mese di giugno dell'attuale, chiedendo quali siano i criteri di assegnazione di tali aree ai privati cittadini che ne hanno fatto richiesta e se tutte le assegnazioni eseguite siano state formalizzate con le modalità indicate dalle stesse determine. Oltre al cimitero, però, il gruppo consiliare di Sbc ha presentato ulteriori interrogazioni. Particolarmente interessante, dopo mesi di attesa, sarà conoscere la posizione dell'ente sulla questione che riguarda il Belvedere di Santa Maria, con il cantiere ancora aperto, mentre con un'ulteriore interrogazione si chiederà se si è provveduto a fare un censimento del verde cittadino e del catasto degli alberi. Le ultime due interrogazioni, infine, riguardano le azioni da mettere in campo contro la ludopatia e la situazione del sistema fognario in città.