E' stata la giornata «dell'orgoglio italiano» afferma il deputato europeo della Lega Matteo Adinolfi, che nella manifestazione di piazza San Giovanni ha letto la conferma «del successo di Matteo Salvini, vero leader del centrodestra». La presenza di tanta gente in piazza, di cui molti rappresentanti provenienti dalla provincia pontina, fa dire ad Adinolfi che «chiaramente sarà determinante sia a livello nazionale per mandare a casa il governo giallo rosso delle tasse, degli inciuci e dell'immigrazione incontrollata, sia a livello locale in tanti comuni della nostra provincia e della nostra regione».
Domenica prossima, con le elezioni in Umbria, si capirà se la piazza sia stato un segnale premonitore e il centrodestra, in caso di vittoria, è pronto a rivendicare il risultato in chiave nazionale. Ma Adinolfi guarda anche allo scenario locale, ossia alla Regione Lazio ma anche i comuni come Roma Capitale e Latina.
«Un segnale importate dovrà arrivare nei prossimi mesi sia a Roma dove oramai l'amministrazione Raggi è invisa a tutta la città, sia nel Lazio dove Zingaretti da otto anni ha lasciato la regione nel più completo immobilismo, ma soprattutto in provincia di Latina dove la Lega ha raccolto percentuali straordinarie alle ultime Europee.
Proprio questa enorme investitura popolare ci deve spingere a costruire nei comuni e in provincia una classe dirigente all'altezza delle aspettative su temi importanti come i rifiuti, le infrastrutture l'ambiente e l'economia del mare, lavorando anche sulla scuola di formazione politica della Lega dove registriamo la partecipazione di tanti giovani capaci e entusiasti.
Il nostro obbiettivo è dunque quello di eleggere amministratori e sindaci della Lega che sappiano dimostrare capacità amministrative pari a quelle dei comuni del nord dove la sanità, le regioni e i comuni funzionano grazie ad una classe dirigente della Lega costruita sul territorio.
In provincia di Latina - prosegue Adinolfi - la Lega avrà dunque il compito di ricomporre il quadro politico del Centro Destra poiché il nostro partito è stato scelto per questo dagli elettori alle ultime europee.
Con gli altri rappresentanti istituzionali, gli onorevoli Claudio Durigon e Francesco Zicchieri e il Consigliere Regionale Orlando Angelo Tripodi, oramai abbiamo dimostrato che Lega in provincia di Latina non vive solo del grande consenso attrattivo di Salvini, ma è un partito strutturato che, dopo aver raccolto un enorme risultato alle ultime elezioni europee con l'elezione di un rappresentate locale a Bruxelles, oggi può a buon ragione far crescere la sua classe dirigente con amministratori locali capaci e preparati che sappiano dare risposte alle loro comunità».
«E' anche per questo motivo - conclude Adinolfi - che ho iniziato un tour in tutto il collegio - Lazio, Toscana, Umbria e Marche, ma soprattutto in provincia di Latina per costruire un piano di esigenze del territorio per poi cercare di intercettare insieme ai nostri amministratori locali finanziamenti comunitari diretti e indiretti per lo sviluppo dei nostri territori».