«Non è un trasformismo politico, ma l'evoluzione naturale del mio percorso».

Con queste parole, l'ex sindaco e oggi consigliere comunale di Pomezia, Fabio Fucci, ha sancito il suo ingresso nella Lega, arrivato insieme a quelli dei colleghi Massimo Abbondanza ed Emanuela Pecchia, che insieme al capogruppo Saverio Pagliuso andranno a formare la compagnie del Carroccio nell'assise civica pometina.

Il passaggio, già preannunciato nei giorni scorsi, è stato ufficializzato ieri mattina durante una conferenza stampa aperta dal coordinatore comunale Roberto Vettraino e alla quale era presente anche il deputato leghista, Francesco Zicchieri. «Ringrazio Roberto Vettraino - ha esordito -, una persona affidabile che è con noi dai tempi di ‘Noi con Salvini'. Oggi a Pomezia siamo il primo partito e i nuovi ingressi di oggi arrivano dopo un anno di confronto, durante il quale abbiamo conosciuto la grande passione per la politica e per il bene della città da parte di Fabio, Massimo ed Emanuela. Consegno a loro e a Pagliuso la responsabilità di indossare una maglia da bagnare con il sudore e la passione. La Lega, infatti, non deve essere un traino per le prossime elezioni, ma deve difendere il territorio e garantire il futuro alle prossime generazioni».

Pagliuso, unico eletto già nella Lega, ha preso la parola subito dopo, ma non prima di ascoltare Vettraino che annunciava l'ingresso nel Carroccio dell'ormai ex Fratelli d'Italia Rodolfo Serafini. «La nostra prospettiva è quella di andare avanti e, alla prossima scadenza amministrativa, arrivare a un successo del centrodestra che qui a Pomezia tutti si aspettano».

Diverso il tenore del discorso di Fucci: «Innanzitutto devo ringraziare Zicchieri e Durigon che hanno creduto in me e nel nostro gruppo fin dall'inizio, ma anche a Roberto Vettraino e a tutto il direttivo. Sto vivendo questa nuova fase della mia carriera politica con grande entusiasmo, anche maggiore di quindici anni fa quando è iniziata la mia politica attiva. Non nascondiamo, chiaramente, il mio passato legato al MoVimento Cinque Stelle, nato come forza post ideologica. In più, il fatto che solo pochi mesi fa questi due partiti si siano trovati a condividere un percorso di governo chiarisce come la mia condivisione del progetto della Lega sia l'evoluzione naturale di quello che è successo in Italia».

In tal senso, Fucci ha ricordato come si sia battuto, con i colleghi di "Essere Pomezia" sui temi della sicurezza e delle infrastrutture, tessendo anche le lodi di Matteo Salvini: «I Decreti Sicurezza hanno introdotto innovazione e posto un argine agli sbarchi senza regole». Poi la conclusione: «L'era a Cinque Stelle si è conclusa. So bene quali siano le evoluzioni elettorali. Oggi i pentastellati non sono più il primo partito, ma lo è la Lega. Qualcosa è cambiato per demeriti dell'amministrazione in carica».
Le ultime parole sono state quelle del consigliere regionale leghista, Laura Corrotti: «Il litorale per me è un pezzo di cuore. In Consiglio regionale siamo all'opposizione come in questo Comune: sono contenta che porteremo avanti insieme tante battaglie in un partito come la Lega dove si lavora per i cittadini».