Si è svolta questa mattina la presentazione del progetto di Nicola Procaccini, Strade d'Europa, in un Circolo Cittadino strapieno. In sala erano presenti amministratori locali, esponenti di associazioni di categoria e imprese che hanno accolto l'invito volto ad approfondire la conoscenza dei fondi europei, tramite l'iniziativa dell'europarlamentare di Fratelli d'Italia.

Sono intervenuti al convegno moderato dal giornalista di Latina Oggi Tonj Ortoleva, oltre allo stesso Nicola Procaccini, il Senatore e coordinatore di Fratelli d'Italia Nicola Calandrini, il coordinatore regionale di FdI Lazio Paolo Trancassini, il vice coordinatore regionale Enrico Tiero, e il coordinatore comunale di FdI Latina Gianluca Di Cocco. Daniele Senesi e Fabio Cervoni di Alea Consulting sono invece entrati nel dettaglio spiegando la parte tecnica del progetto Strade d'Europa.

"È un progetto concreto che è rivolto alle amministrazioni locali, alle aziende, alle associazioni, a tutti coloro che vedono le mille opportunità dell'Europa sempre molto distanti - ha dichiarato l'eurodeputato Nicola Procaccini -. L'obiettivo è avvicinare l'Unione Europea al territorio, senza rinunciare alla nostra battaglia di riforma dell'Europa, perché ci sono mille cose che non vanno e non funzionano. Allo stesso tempo dobbiamo aiutare il nostro territorio a svilupparsi. Questi due livelli rappresentano il binario su cui si muove la mia attività di parlamentare europeo e di tutti noi di Fratelli d'Italia". Procaccini ha anche spiegato come è nata questa iniziativa. "Quando sono arrivato a Bruxelles ho capito immediatamente che contro noi esponenti di destra c'è un evidente pregiudizio. In tanti colleghi, quando mi presentavo, avevano remore a stringermi la mano. Poi è arrivato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli a parlare addirittura di cordone sanitario per emarginare noi esponenti di destra. So che fa sorridere che una cosa del genere sia sostenuta da uno che fa parte di un partito che si definisce democratico. Ma il livello è questo. Dunque ho capito fin dal primo istante che il Parlamento europeo è più fumo che arrosto. Siccome sono abituato alla concretezza ho cercato il modo di fare qualcosa di utile. Questa dei Fondi europei mi sembrava la scelta più adatta. Non ci aveva ancora pensato nessuno, eppure era semplice". 

"Con Strade d'Europa - dichiara il Senatore Nicola Calandrini - avviciniamo la nostra provincia ai fondi europei, la vera chiave per lo sviluppo del territorio, un'opportunità per gli enti locali, le imprese e le associazioni di categoria che abbiamo invitato e che ringrazio per aver partecipato all'appuntamento di oggi che vuole essere trasversale, perché quando si parla di sviluppo, dobbiamo mettere da parte le bandiere di partito e fare sistema. Ringrazio inoltre Nicola Procaccini per aver messo in piedi questa iniziativa, che è un tentativo di avvicinare Latina all'Europa e a quei fondi di cui questa provincia ha davvero bisogno per sanare le tante emergenze che attraversano il territorio. Da questo punto di vista come Fratelli d'Italia stiamo intervenendo anche sulla Legge di Bilancio. D'accordo con Giorgia Meloni, deputata eletta in questo collegio, abbiamo presentato al Senato e presenteremo alla Camera quattro emendamenti per destinare fondi alla provincia di Latina, e nello specifico per realizzare un nuovo ospedale, completare la cittadella giudiziaria, acquisire l'edificio ex Banca d'Italia e valorizzare le Città di Fondazione".

"Sono qui per registrare la soddisfazione di eleggere in Europa rappresentanti non solo del partito ma anche dei territorio - ha aggiunto l'onorevole Paolo Trancassini -. Questa iniziativa permetterà ai nostri amministratori alle prese con i problemi dei Comuni di avere una voce e una strategia in Europa. Faccio i complimenti a Nicola Procaccini perché questa è la dimostrazione che abbiamo scelto bene e abbiamo mandato in Europa una persona valida".

"Bisogna fare un grosso plauso al nostro eurodeputato Nicola Procaccini - ha dichiarato Enrico Tiero -, perché fino ad oggi abbiamo avuto un'Europa sempre lontana, dove i partiti hanno mandato persone a fine carriera e senza troppi interessi per il territorio. Esattamente il contrario di ciò che ha fatto Fratelli d'Italia che ha portato in Europa persone preparate e Nicola è tra queste. Strade d'Europa fa avvicinare le opportunità europee al mondo delle imprese e degli enti locali, è un'iniziativa lodevolissima per drenare risorse e finanziamenti, qualcosa che fino ad oggi non è avvenuto".

"Oggi pensare di far crescere il territorio senza attingere ai fondi europei è impossibile, con i bilanci comunale non si riesce neppure a pagare gli stipendi - ha concluso Gianluca Di Cocco -. Il progetto di Nicola Procaccini aiuterà le pubbliche amministrazioni a creare progetti europei e permetterà ai privati di usufruire di importanti fondi. La pubbliche amministrazioni devono poi fare il proprio dovere, cioè evitare quanto successo qui a Latina dove i pochi fondi arrivati, per incompetenza e impreparazione sono tornati al mittente. Latina deve tornare ad avere una visione futura e lo può fare attingendo ai programmi europei".