Una serata con oltre 800 amministratori e dirigenti locali della Lega per fare il punto della situazione in provincia di Latina e cominciare a preparare una stagione che, dopo la imminente pausa natalizia, sarà ricca di appuntamenti e scadenze. L'altra sera al Dancing Arcobaleno ad accogliere i dirigenti c'erano i parlamentari Claudio Durigon e Francesco Zicchieri, l'eurodeputato Matteo Adinolfi, il consigliere regionale Angelo Tripodi e il coordinatore provinciale Silviano Di Pinto.
Una serata organizzata per scambiarsi gli auguri di Natale e per guardare ai prossimi impegni politici. Il prossimo obiettivo che si è posta la Lega è quello di avere un sindaco che sia espressione del partito. Gli 800 tra amministratori e dirigenti locali radunati l'altra sera sono anche una risposta alla manifestazione delle sardine andata in scena ieri in piazza del Popolo e dichiaratamente organizzata contro Matteo Salvini e la Lega.
Ad organizzare l'evento l'Eurodeputato pontino Matteo Adinolfi, con la partecipazione di tutti i big del partito provinciale. Un incontro in cui è stato ribadito, nel corso degli interventi dal palco, l'impegno della Lega e dei suoi esponenti nelle istituzioni per una provincia, un capoluogo e una Regione che meritano una svolta in termini di governo di buona amministrazione. Zicchieri, Durigon e Tripodi hanno rimarcato la mala gestione dei rifiuti e il rimpallo di responsabilità tra Zingaretti e la Raggi nella Capitale, ribadendo come la Lega sia a favore della realizzazione di impianti per smaltire i rifiuti. I leader hanno poi sottolineato le difficoltà che incontra la città di Latina, abbandonata a se stessa dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Damiano Coletta.
L'organizzatore della serata, Matteo Adinolfi, nel ringraziare tutti gli ospiti, ha ricordato lo straordinario risultato ottenuto dalla Lega alle scorse elezioni europee, dove ha sfiorato il 40% in tutta la provincia pontina portandolo ad essere il deputato europeo più votato in ambito provinciale in tutta Italia: secondo, nella raccolta di preferenze nel territorio pontino, solo a Salvini. Poi, oltre ai ringraziamenti, l'attenzione si è spostata sull'attività a Bruxelles, dove la Lega e Adinolfi non fanno venir meno il loro impegno per gli interessi del nostro Paese su tutti i dossier più delicati del momento: Pac, Mes, Green New Deal.
«Argomenti che sembrano lontani ma che a breve incideranno sulla vita di tutti i giorni dei nostri concittadini. Per questo la Lega è sempre più impegnata in Europa e in Italia a tutelare le ragioni dei lavoratori, delle industri e dei risparmiatori Italiani», spiega Adinolfi.