A otto mesi dalle dimissioni di Giulia Caprì Coletta chiude i conti di una macchinosa e lenta fase politica segnata dal balletto degli accordi mai finalizzati con il Pd alla ricerca di un nuovo nome per l'assessorato al commercio, e lo fa uscendo dal campo della politica ed entrando in quello della società civile. Il nome scelto è quello dell'imprenditrice Simona Lepori, ufficializzato con un decreto sindacale, che prenderà le deleghe di Agricoltura, Industria, Commercio, Artigianato PMI, Servizi per lo sviluppo del mercato del lavoro e sostegno all'occupazione.

Simona Lepori, classe 1969, è titolare dell'albergo Park Hotel (è socia e amministratore unico della società titolare della struttura alberghiera), vicepresidente Fipe, l'associazione che si occupa del settore delle imprese che svolgono attività di ristorazione e di intrattenimento e membro del direttivo Confcommercio Lazio Sud.  Lepori ha lasciato entrambe le cariche ricoperte  per correttezza e per fugare qualsiasi incertezza di fronte al nuovo incarico nell'esecutivo Coletta. E' lei stessa a confermarlo dopo aver partecipato per l'ultima volta in veste di vicepresidente alla presentazione del progetto Fipe Confcommercio "Also Alcol free". "Ho presentato le dimissioni in Confcommercio e Fipe questa mattina - spiega - mi sembrava doveroso farlo per ragioni di correttezza professionale".