Non si placa la polemica sullo stato di manutenzione degli edifici scolastici a Pontinia. Dopo le rassicurazioni dell’assessore Bottoni, che ha annunciato numerosi interventi, illustrando lo stato dell’arte dei plessi, il consigliere d’opposizione Giuseppe Mochi mercoledì scorso ha protocollato una lettera inviata al sindaco in cui chiede di avere i certificati di staticità, quelli di agibilità e di antincendio di tutti i plessi scolastici di competenza. Evidentemente all’esponente della minoranza non sono bastate le rassicurazioni dell’assessore, il quale aveva fotografato una situazione non dissimile dalle altre scuole limitrofe, specificando che «in molti plessi si hanno le certificazioni riguardanti la messa a norma degli impianti elettrici ed in alcuni si sta provvedendo ad ottenerla». Mochi vuole andare fino in fondo e capire se sono in possesso del Comune tutte le carte che attestano la sicurezza dei plessi oppure no.
E se la questione scuola continua a tenere banco, non sono da meno altri temi, trattati dall’intera minoranza che nei giorni scorsi ha presentato tre distinte interrogazioni consiliari. In primis la questione della pubblicazione degli atti amministrativi online. C’è una legge che obbliga alla trasparenza ma, secondo i consiglieri d’opposizione (Mochi, Donnarumma, Coco, Torelli e Lauretti), «il sito continua a riportare allegati non disponibili o facilmente modificabili», e mancano anche le convocazioni delle commissioni. Un’altra interrogazione riguarda la trasmissione dei Consigli comunali in streaming, di cui si è parlato il 16 settembre scorso e su cui il consigliere Torelli aveva avvertito che la cosa avrebbe reso necessario una modifica del regolamento. Non da ultimo, l’opposizione interroga la giunta Medici sulla pulizia della torre idrica, di cui si è parlato lo scorso 29 luglio in aula: «Lavori attribuiti ad un privato non meglio identificato che avrebbe compiuto i lavori a titolo gratuito». Altre spiegazioni non ne sono arrivate. L’opposizione chiede di capire se la torre sarà pulita di nuovo, quali costi si sono sostenuti e in che stato si trova il marmp, che appare rovinato.