Nuove regole per le commissioni di gara, con l’obiettivo di garantire maggiore trasparenza e imparzialità. Questo quanto si vuole fare con l’albo nazionale obbligatorio che sarà gestito e aggiornato dall’Anac, ma che fino ad oggi ancora non è stato istituito. Motivo per cui il Comune di Pontinia ha deciso di correre ai ripari - nelle more dell’istituzione di quell’albo - fissando delle linee guida chiare per quanto riguarda la nomina dei componenti delle commissioni di gara. I quali, per quel che riguarda le procedure con importo superiore alla soglia comunitaria (207mila euro oltre Iva), dovranno essere esterni rispetto all’ente. Solo nel caso in cui i nominativi siano in numero inferiore a quello dei componenti da inserire nelle commissioni si procederà a individuare i componenti restanti utilizzando le professionalità interne all’ente. In sostanza, l’iter sarà questo. Il responsabile del procedimento di ogni gara trasmette ai Comuni della provincia e alla Provincia la richiesta di indicare dei nominativi - in base alle competenze, alla professionalità e alla compatibilità - da inserire nelle commissioni. La risposta dovrà arrivare nei tempi prestabiliti dal responsabile del procedimento. Per quanto riguarda i rimborsi, invece, andranno da 150 euro fino a un massimo di 2.400 euro.