Circa tre mesi fa, a Priverno, in via Circonvallazione Nord, furono individuate delle crepe, anche piuttosto profonde, su una torretta di avvistamento, inserita nelle mura di quella che fu la Privernum medievale e che, poi, ha costituito il fulcro della città moderna. Ci furono sopralluoghi dell’Ufficio tecnico comunale e dei vigili del fuoco. E, stando a una prima valutazione, non sembrò che i danni riportati dalla torretta dovessero essere necessariamente riconducibili alle varie scosse di terremoto che avevano devastato alcune zone dell’Italia centrale. In ogni caso, vista la profondità delle crepe, furono adottati dei provvedimenti, come la chiusura dell’allacciante Circonvallazione Nord - Porta Paolina, l’istituzione di un unico senso di marcia (poi riportato alla normalità) in via Casa Tonda e furono istituite barriere di cemento armato per proteggere il tratto di strada che da San Benedetto porta a Casa Tonda. Inoltre, il sindaco emise un’ordinanza nei confronti dei proprietari - essendo la torretta privata - affinché intervenissero per la messa in sicurezza. In questi giorni, purtroppo, un caso analogo è stato riscontrato su un’altra torretta di avvistamento (sembra che sul territorio di Priverno ce ne fossero una settantina), quella posta in via Torretta Rocchigiana, praticamente nella zona sottostante il cimitero cittadino e che porta al vecchio tracciato della 156 dei Monti Lepini. «La torretta di via Rocchigiana - ha segnalato un cittadino - presenta una crepa significativa sulla sommità, ripresa tramite un drone teleguidato da un privernate». Il filmato è stato condiviso sulla pagina personale del sindaco Anna Maria Bilancia. Inoltre, qualche tempo fa, è stata aperta una pagina su Facebook che, in breve tempo, ha raggiunto i 500 like, dal significativo titolo “Salviamo la torretta”, con la pubblicazione di una foto. Anche in questo caso sembra che la torretta sia di un privato. Insomma, ci si trova, più o meno, nelle stesse condizioni della struttura di via Circonvallazione Nord. Comunque, vista l’importanza storico-culturale della torretta di via Rocchigiana, la stessa è soggetta a vincolo e controllo da parte della Soprintendenza. In ogni caso, pare opportuno che chi di dovere intervenga, in primis per la messa in sicurezza di un pezzo di storia della città e poi per la salvaguardia dell’incolumità pubblica, essendo quella strada fortemente transitata.