Buone notizie per Priverno e il suo territorio quanto ad approvvigionamento idrico e a sistemazione della rete fognante. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolto un incontro tra l’amministrazione comunale e la direzione tecnica di Acqualatina. In discussione argomenti decisamente importanti: la realizzazione di una rete fognaria e l’ammodernamento della rete idrica, nella frazione di San Martino, nonché il rafforzamento della distribuzione sull’intero territorio comunale. Il primo punto discusso tra le parti è stato relativo alle modalità di attuazione del progetto preliminare, redatto da Acqualatina, per la realizzazione di oltre un chilometro e 350 metri di una nuova rete fognaria su via Madonna della Delibera e parte di via Valle del Canneto. La nuova rete, una volta realizzata, permetterà di allacciare alla pubblica fognatura oltre 500 abitanti, da sempre privi dell’importante servizio. Con vantaggio per i cittadini e l’ambiente. La nuova rete verrà allacciata a quelle già esistenti sulla provinciale di San Martino e, quindi, collettata al depuratore comunale. Queste opere, che richiedono oltre 750mila euro di investimento, prevedono anche l’ammodernamento dell’intera rete idrica della zona. I lavori verranno realizzati con un finanziamento di 500mila euro da parte del Comune lepino e circa 300mila euro da parte di Acqualatina. I tempi di avvio dei lavori - ha spiegato il sindaco, Anna Maria Bilancia - sono previsti per le prossime settimane. Un altro problema affrontato tra le parti è quello relativo alla siccità. Il gestore idrico ha confermato l’impegno congiunto con Ato4 e Regione Lazio, per la concessione in gestione, dei pozzi Vòlaga, ubicati nel territorio di Prossedi, e di proprietà regionale. Lo scopo di questo intervento - si legge in un comunicato congiunto - è quello di dotare, prima dell’estate, la centrale di Fiumicello di due nuovi pozzi, in aggiunta ai cinque già esistenti, purtroppo soggetti all’abbassamento del livello di acqua nei periodi di siccità prolungata.