La certificazione è arrivata, il Movimento Cinque Stelle concorrerà alle prossime amministrative a Sabaudia. E il candidato sindaco sarà Massimiliano Fantini. I grillini non hanno il problema degli apparentamenti e nemmeno di mantenere certi equilibri di natura prettamente politica, niente li rallenta, devono solo posizionarsi ai blocchi di partenza e poi correre al via. E questa sembra essere l’intenzione anche a Sabaudia dove, tanto per ricordare quanto accaduto negli ultimi mesi, sono passati per una visita Grillo, Di Battista e Di Maio nel corso della campagna per il no al referendum. Una visita lampo ma comunque tra i tanti centri del Lazio prima di arrivare a Nettuno, hanno scelto proprio Sabaudia. E chissà che nelle prossime settimane qualcuno dei big non decida di tornare.  Zappalà, non ne ha fatto un mistero, il nemico da battere sono i Cinque Stelle. Una considerazione la sua, fatta a margine di una conferenza stampa convocata alcuni giorni fa proprio a Sabaudia, un incontro finalizzato a lanciare un appello alle forze politiche pronte a cimentarsi con le urne: unitevi oppure la vittoria sarà dei grillini. Che l’analisi sia corretta oppure no, una cosa è certa, la lista Cinque Stelle può modificare seriamente alcuni equilibri che fino ad oggi hanno retto gli accordi più o meno sottobanco tra un gruppo e l’altro. Soprattutto per quanto riguarda le liste civiche. Prima che arrivasse la certificazione in molti hanno cercato di avvicinare il gruppo, soprattutto per aggiungere alle liste persone più giovani. Ma i grillini hanno fatto di più scegliendo un candidato al di sotto dei 35 anni. Largo ai giovani? Detto fatto. E in cantiere c’è già un appuntamento, quello del prossimo 8 aprile presso l’Hotel le Palme con l’europarlamentare Fabio Massimo Castaldo. Se per Sabaudia una risposta sulla certificazione è arrivata il meetup di San Felice Circeo resta in attesa. Almeno per ora