Se è vero, come recita il proverbio, che una rondine non fa primavera, è altrettanto vero che sono i fiori che sbocciano a caratterizzare, anche visivamente, la stagione più mite e attesa da tanti. E sarà proprio un fiore, una primula per la precisione, a simboleggiare la Campagna dei vaccini anti Covid-19 che, salvo imprevisti, partirà a metà gennaio. L'unica cosa certa è che sarà "L'Italia rinasce con un fiore" lo slogan che la accompagnerà. Un fiore semplice, dunque, a indicare da un lato la fragilità come lascito fondamentale di questa pandemia, ma dall'altro anche i punti di forza come la solidarietà, la generosità sociale, l'impegno di migliaia di operatori sanitari e quello dei cittadini a contenere il virus, il coraggio e il grande investimento della comunità scientifica.

Il simbolo, presentato ieri nel corso di una conferenza stampa alla presenza del Commissario per l'emergenza Domenico Arcuri, è opera dell'architetto Stefano Boeri: «Questa idea di una primula che ci aiuti ad uscire da un inverno cupo è il messaggio che vogliamo dare - ha spiegato Boeri -. Il fiore è il segnale di inizio della primavera, un simbolo di serenità e rinascita».

Arcuri, dal canto suo, ha annunciato: «Stiamo lavorando senza soste perché la vaccinazione inizi da metà gennaio», mentre subito dopo ha anche ribadito che i primi ad essere vaccinati saranno gli operatori sanitari e il personale e gli ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali. «I numeri, e dunque il calcolo, delle persone da vaccinare nelle diverse regioni - ha sottolineato Arcuri - saranno perfezionati in queste ore».

Saranno 1.500 i gazebo a forma di fiore, dunque come il simbolo della campagna di vaccinazione, i luoghi dove verranno somministrate le dosi nella seconda fase della stessa campagna. «I gazebo - hanno aggiunto all'unisono Arcuri e Boeri - saranno collocati in tutta Italia, nelle piazze delle città, davanti agli ospedali e anche nei campi sportivi».

La Campagna informativa per invitare gli italiani a vaccinarsi - oltre agli spot su radio, tv, siti web e social, prevederà anche la realizzazione di totem informativi davanti agli ospedali, nei parchi, negli uffici pubblici e nelle scuole.