In attesa di capire cosa succederà e se, come sembra, il personale della clinica Città di Aprilia accetterà di aspettare qualche altro giorno o settimana, per lo sblocco dei soldi, il sindaco di Aprilia, Antonio Terra, si dice soddisfatto dell'unità di intenti che si è riscontrata ieri nell'incontro in Prefettura che ha, a meno di sorprese, scongiurato la sospensione del servizio di emergenza in clinica.

«E' impensabile che una città come Aprilia possa perdere un servizio fondamentale come quello del Pronto soccorso. Come molti in questi giorni non ho temuto realmente la chiusura, ma per evitarla saremmo andati fin dal Presidente della Repubblica, sarei arrivato ad incatenarmi davanti alle porte della clinica. Auspico che la situazione, dopo questo momento di emergenza possa ritornare alla normalità soprattutto per gli utenti che si ritrovano di nuovo a leggere annunci di interruzione di servizi primari e fondamentali».