Nella giornata odierna il sindaco Gervasi ha emesso ordinanza (n.38) per il taglio di siepi, rami sporgenti, arbusti e alberi ai margini di marciapiedi, aree di sosta, strade provinciali, comunali e vicinali di uso pubblico. Il provvedimento, in vigore fino al 31 ottobre 2020, si è reso necessario ai fini della sicurezza e dell'incolumità pubblica e segue l'ordinanza n.31 del 4 giugno scorso, tuttora in vigore, relativa alla prevenzione del rischio di incendi boschivi.

Nella fattispecie, si ordina ai proprietari, conduttori, possessori, usufruttuari, curatori e detentori a qualunque titolo degli immobili e terreni posti lungo le strade provinciali all'interno dei centri edificati, le strade comunali e vicinali di uso pubblico dell'intero territorio comunale, ai proprietari di terreni o fondi rustici o parte di essi, nonché di pertinenze o corti di servizio di edifici in stato di abbandono, di provvedere: al taglio dei rami delle piante sporgenti oltre il proprio confine in modo che non invada il ciglio stradale o il marciapiede;

alla potatura delle siepi, arbusti, cespugli, rovi, alberature e simili che si protendono oltre il proprio confine andando ad occupare e/o ostruire i cigli di strade pregiudicando la pulizia ed il decoro, la viabilità e la segnaletica o comunque ne compromettono la leggibilità, nonché il rispetto delle distanze previste dal codice civile per la loro messa a dimora; alla rimozione nl più breve tempo possibile del fogliame degli alberi piantati in terreni laterali o le ramaglie di qualsiasi genere che cadono sul piano viabile per effetto di intemperie o per qualsiasi altra causa, evitando che pedoni, ciclisti e veicoli possano scivolare sul sedimento vegetale; al mantenimento delle aree oggetto della presente ordinanza, pulite ed in perfetto ordine.

Nel caso in cui gli interessati non procedano autonomamente a quanto previsto dall'ordinanza, i lavori verranno eseguiti dall'Amministrazione Comunale con successivo addebito delle spese.