Niente fondi per il servizio scuolabus.
È questa una delle motivazioni che si trovano alla base della decisione presa dal dirigente comunale del settore A02-S2 (Ufficio relazioni con il pubblico, Gare e provveditorato, Servizi educativi e culturali) di annullare in autotutela la gara europea a procedura aperta per l'affidamento in appalto del servizio di trasporto scolastico a favore degli alunni delle scuole dell'Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado di Ardea, ma anche del servizio di trasporto dei diversamente abili presso gli istituti superiori presenti fuori dal territorio comunale, ma limitrofi a esso.
Si tratta di un bando che avrebbe visto l'affidamento dell'appalto a far data dal primo gennaio scorso e fino al 30 giugno 2023: purtroppo, però, come si evince da una determina che porta la data dello scorso 7 giugno, nel bilancio di previsione per il 2017, approvato dal commissario straordinario coi poteri di Consiglio comunale qualche giorno fa, non sono stati stanziati fondi - per l'annualità in corso - dedicati al trasporto scolastico.
In più, la stazione appaltante non aveva ancora provveduto ad alcuna aggiudicazione dalla gara in questione, "in quanto l'offerta è risultata anomala". Tra l'altro, a fronte della domanda di partecipazione pervenuta, sono stati chiesti e ottenuti dei chiarimenti che, con una nota del 24 aprile scorso, sono stati anche trasmessi al Responsabile unico del procedimento per il relativo parere di congruità. Ma quest'ultimo, si legge ancora in delibera, alla data del 7 giugno non era ancora pervenuto.
Insomma, una bella gatta da pelare, soprattutto per il prossimo sindaco, che si troverà fra le mani un vero caso spinoso cui fare fronte nel più breve tempo possibile.