Zero cartelle a ferragosto: bloccate oltre ottomila notifiche, per la precisione 8.607, per altrettanti contribuenti della provincia di Latina. I quali possono tirare un sospiro di sollievo sotto l'ombrellone.
Dallo scorso 7 agosto, fino al 20, l'Agenzia delle Entrate-riscossione ha disposto, di intesa con gli operatori postali, il blocco della notifica di 399.428 atti, che sarebbero arrivati direttamente nelle cassette, ai quali bisogna aggiungere altri 70.487 provvedimenti da notificare attraverso la posta elettronica certificata (pec). Per un totale quindi di 469.915 cartelle e avvisi che saranno congelati. Un numero decisamente imponente.
L'intenzione dell'ente guidato da Ernesto Maria Ruffini è quella di ridurre al minimo i disagi in un momento dell'anno particolare. La notifica riprenderà dopo il periodo di sospensione che, ovviamente, non potrà essere un blocco totale, dal momento che circa 14.500 atti inderogabili dovranno comunque essere inviati. Il Lazio, con le sue 109.631 cartelle congelate, è al primo posto della speciale classifica, seguita da Lombardia (61.608), Campania (45.947), Toscana (42.801), Veneto (27.858) e Piemonte (26.303).
Per quanto concerne il Lazio, a Roma e provincia saranno sospese ben 90.468 cartelle.
In provincia di Frosinone gli avvisi e le cartelle congelate saranno 5.114. Mentre in provincia di Latina gli atti sospesi ammontano a 8.607. A Viterbo sono 3.643, mentre a Rieti 1.799.