È stato pubblicato nei giorni scorsi, sul sito istituzionale del Comune di Artena, il bando di gara per l'affidamento del servizio di refezione scolastica dall'anno scolastico che sta per partire fino al 2021/2022. Si tratta di un appalto da 2.025.000 euro, Iva esclusa, che prevede la fornitura dei pasti agli alunni artenesi che frequentano le scuole della zona.
Il bando, fra i vari aspetti, prevede che ogni pasto debba costare 4.48 euro: il che significa che, ogni anno, l'importo presunto sarà di 403.200 euro, Iva esclusa, di cui 265.697,54 per il costo della manodopera e 1.800 euro di oneri per la sicurezza.
Chiaramente, le ditte che intendono partecipare dovranno avere diversi requisiti, fra cui spicca l'aver espletato negli ultimi tre anni (2014-2015-2016) almeno due servizi di ristorazione scolastica "con pasti veicolati in legame fresco-caldo per bambini di scuola dell'Infanzia e Primaria, in cui sia stato preparato e fornito un numero di pasti non inferiore a 90.000 annui".
A bandire la gara, per conto del Comune, è stata la Centrale unica di committenza "Consorzio I Castelli della Sapienza": le offerte potranno essere presentate entro le ore 12 di lunedì 18 settembre; due giorni dopo, alle 10 del mattina, nella sede della Centrale unica di committenza, verranno aperte le buste contenenti le offerte e si darà quindi il via alle procedure di affidamento della gara.