Si fa sempre più incandescente la vertenza che riguarda il servizio di refezione per mense scolastiche, centri anziani e centri diurni. Dall'1 luglio dovrebbe entrare in servizio la nuova ditta Dussmann non avendo il Tar concesso la sospensiva sull'affidamento dell'appalto come chiesto dalla ditta uscente, la Vivenda-Coop solidarietà e lavoro. Il Comune non ha sospeso in autotutela gli atti e aveva, nelle dichiarazioni ufficiali, promesso di lavorare per un accordo ponte fino alla discussione nel merito al Tar del 17 luglio. Ma nei fatti si è arrivati alla data di entrata in servizio del nuovo gestore con la ditta uscente ferma sui motivi di censura già espressi in sede giudiziaria. Ieri nell'incontro al Ministero del Lavoro la Dussmann Service S.r.l. «ha confermando l'avvio del servizio da parte di Dussmann medesima con decorrenza dal 1° luglio 2019 precisando però di non avere l'elenco del personale interessato dal cambio di gestione, impedendo di fatto il corretto espletamento della procedura di cambio appalto». La società subentrante, in ogni caso, ha dichiarato che adotterà tutte le misure necessarie per garantire il servizio affidatogli e «verificati gli aventi diritto al cambio di gestione, saranno mantenuti i livelli occupazioni, precisando che l'assunzione dei lavoratori aventi diritto al cambio di gestione non potrà avvenire con decorrenza dal 1° luglio 2019 ribadendo di non aver ricevuto gli elenchi del personale occupato da parte della Coop. Solidarietà e Lavoro».